sabato 14 luglio 2018

Torte di Compleanno


Per il compleanno di mio figlio ho preparato due torte:

La crostata con ripieno di ricotta e amaretti
La crostata classica alla confettura di ciliegie.

Buon Compleanno Luca !!!

venerdì 13 luglio 2018

Flan di zucchine km 0






Flan di zucchine km 0


Ingredienti per 4 persone:

una grossa zucchina (600 gr circa)
1 cipolla
40 g. di burro
30 g. di farina
1,7 dl di latte
2 uova
un ciuffetto di timo
1 ciuffetto di basilico
sale
pepe
burro per lo stampo

Ho pulito la grossa zucchina ed ho eliminato la parte centrale con i semi,
Ho tagliato a dadini. Affettato la cipolla.
In una padella ho scaldate 40 g. di burro e vi ho appassito la cipolla,
 poi ho unito le zucchine, salato e fatto cuocere per una decina di minuti
 mescolando spesso.
Ho aggiunto la farina e mescolato, quindi ho versato il latte e una macinata di pepe.
Ho fatto proseguire la cottura per altri 10 minuti , quindi ho tolto dal fuoco e
 lasciato raffreddare il tutto.
In una terrina ho sbattuto le uova con sale e pepe, e le ho unite alle zucchine
 mescolando bene; ho aggiunto un pizzico di timo tritato.
Ho preparato uno stampo da plum-cake leggermente imburrato e
foderato di carta da forno. Vi ho versato il composto, ho livellato la superficie e
ho poi passato in forno a 180°C per 35 minuti.
Togliere dal forno, lasciare intiepidire e servire decorato con foglioline di basilico.

Il flan è una preparazione delicata, con note dolci conferite dalle zucchine.
Ho abbinato un vino bianco :  Golfo del Tigullio.



da







venerdì 6 luglio 2018

Crostata ai mirtilli e lamponi



CROSTATA AI MIRTILLI E LAMPONI


Questa delizia , preparata dalla mia carissima amica Mariangela, l'abbiamo gustata in mezzo al verde in un bellissimo giardino quasi sulla riva del Lago Maggiore.

Grazie Mariangela !!!

Ingredienti per 10 persone:  Tortiera da 28 cm.

Per il top della torta :

due cestelli di mirtilli e un cestello di lamponi .

Per la pasta frolla : 

gr. 300 farina 00
gr. 150 di zucchero
gr. 150 di burro
2 tuorli di uova
la buccia grattugiata di un limone
un pizzico di sale
due cucchiai di Marsala.



Nel mixer con la frusta, mescolate i due tuorli  con lo zucchero, e il sale. Aggiungete il burro morbido. Lavorate a crema. Incorporate la farina, la buccia grattugiata di limone e il cucchiaio di Marsala. Impastate velocemente, raccogliete la pasta a palla, avvolgetela in pellicola e riponetela in frigo per circa mezz'ora.

Preriscaldate il forno a 180°, stendete la frolla sulla spianatoia infarinata e rivestite con la frolla una tortiera rotonda da crostata. Rivestite l'interno del guscio di frolla con carta forno e ponetevi dei ceci o fagioli secchi  in modo che la pasta non si gonfi durante la cottura in bianco. Infornate per circa 30 minuti, sino a quando la pasta inizierà a dorarsi.. Estraete la carta forno con i fagioli secchi e lasciate cuocere altri 5 minuti.  Togliete dal forno e lasciate raffreddare.


Nel frattempo preparate la crema.

Per la crema Pasticcera:

½ litro di latte
4 tuorli
150 g. di zucchero
50 g. di farina
La scorza grattugiata di mezzo limone
Burro  una noce (gr. 25)
sale.

 Mettete in una casseruola lo zucchero e i tuorli d’uovo e sbattete bene.
Unite la farina, poi aggiungete il latte bollente, nel quale avete messo  la scorza grattugiata di un limone.

Fate cuocere a fuoco moderato per circa 10 minuti. Spegnete. Aggiungete il burro e continuate a mescolare per far raffreddare la crema evitando che si formi in superficie una leggera pellicola.

Una volta raffreddata, rivestite con la crema il guscio di frolla, distribuite bene.

A questo punto lavate e asciugate bene i mirtilli e i lamponi e decorate tutta la superficie della crostata. Mettete in frigorifero fino all'ora di servirla.



Questa delizia , preparata dalla mia carissima amica Mariangela, l'abbiamo gustata in mezzo al verde in un bellissimo giardino quasi sulla riva del Lago Maggiore.

Grazie Mariangela !!!














mercoledì 20 giugno 2018

Mostra ai Musei Reali di Torino




Presso i MUSEI REALI a Torino , c'è una Mostra molto interessante nella Biblioteca Reale .


La Cucina di Buon Gusto 

20/04/2018 - 08/09/2018



Mostra  visitabile  fino all’ 8 Settembre 2018

La Cucina di Buon Gusto rappresenta un viaggio tematico intorno al cibo per mostrare l’arte della buona tavola a corte attraverso l’esposizione di rari e preziosi ricettari dal Seicento all’Ottocento, porcellane e argenti reali, disegni, manoscritti e i più celebri trattati culinari del Settecento. La mostra, visitabile in Biblioteca Reale da venerdì 20 aprile fino a sabato 8 settembre, fa parte di Bocuse d’Or Europe OFF 2018.

Nella sezione Invito a Tavola, allestita nelle diciannove vetrine della Sala Leonardo, vengono idealmente ricostruiti due diversi menù: il primo è ispirato ai due banchetti serviti a corte nell’autunno del 1865, mentre il secondo illustra diverse ricette della tradizione piemontese. Benché i ricettari venissero di norma conservati nelle scansie delle cucine, la Biblioteca Reale ne costudisce ben 53 di epoca principalmente ottocentesca, ma anche una quindicina di edizioni del Settecento, due del Seicento e tre del Cinquecento, collezionate dal marchese senatore Lodovico Pallavicino Mossi ed entrate nelle raccolte della Biblioteca nel 1966, con l’acquisizione dell’omonimo Fondo donato dalle sorelle dell’ultimo marchese. Tra i ricettari in mostra, si trovano alcuni dei più celebri trattati di cucina: la Physiologie du goût di Jean-Anthelme BrillatSavarin considerato il primo vero trattato di gastronomia; L’art du cuisinier di Antoine Beauvilliers; Dell’arte del cucinare di Bartolomeo Scappi, dove si trova la prima testimonianza “per fare torta con diverse materie, dà napoletani detta pizza”; il più noto trattato di cucina piemontese Il cuoco piemontese ridotto all’ultimo gusto con nuove aggiunte, un’opera anonima pubblicata nel 1766 che annovera ben ventidue ristampe; il Grand dictionnaire de cuisine di Alexandre Dumas, un vero e proprio monumento letterario alla tradizione gastronomica francese.
La visita alla mostra è compresa nel biglietto dei Musei Reali.



sabato 16 giugno 2018

Cous-cous con pollo e melanzane alla mia maniera


 Oggi un piatto unico, super-veloce e veramente leggero.

il Cous-cous andrebbe certamente cucinato con i sapori del Marocco,
 ma in questo periodo sono costretta a una cucina leggera .

COUS-COUS CON POLLO E MELANZANE ALLA MIA MANIERA

Ingredienti per 4 persone :

4 fettine di petto di pollo
mezzo bicchiere di vino bianco
un poco di prezzemolo tritato
olio extra vergine d'oliva q.b.
sale q.b.


Una grossa melanzana
uno spicchio d'aglio
 olio extra vergine d'oliva q.b.


250 gr. di Couscous Semola Oro Tipiak
Acqua salata oppure brodo di pollo
Burro q.b.


Per prima cosa ho preparato le fettine di pollo leggermente infarinate e fatte rosolare con un filo d'olio e burro. Dopo averle girate e rigirate diverse volte ho aggiunto un poco di vino bianco e lasciato evaporare. Salato e a fine cottura una spolverata di prezzemolo tritato finemente. 
Se necessario, aggiungere un cucchiaio di brodo per evitare che attacchino.

A parte ho preparato la melanzana, tagliata a dadini e fatta rosolare con un filo d'olio e uno spicchio d'aglio. Lasciate cuocere mescolando di tanto in tanto.


Per ultimo, il couscous.  Semplice da preparare, basta coprire il couscous con acqua bollente e lasciar riposare 5 minuti per ottenere soffici granelli che si sgranano facilmente.

Tempo di cottura :4 Min al dente

 Per 250gr di couscous semola oro, prevedere 30 cl d'acqua salata. Per un couscous al dente, prevedere 25 cl d'acqua.

 In una casseruola o in una pentola, portare ad ebollizione l'acqua salata con un cucchiaino d'olio per persona.

Togliere dal fuoco e versare i granelli di couscous semola oro, mescolando delicatamente. Lasciare gonfiare per 4 minuti. Aggiungere una noce di burro, quindi cuocere a fuoco molto lento per 4 o  minuti, mescolando regolarmente con una forchetta.

Servire ben caldo, assiemando il tutto in un unico piatto.  Io poi a tavola mescolo tutte le melanzane col cous cous  e mi piace molto.




venerdì 15 giugno 2018

Pasta calamarata al gratin con ragù bianco


PASTA CALAMARATA AL GRATIN CON RAGU’ BIANCO
Ingredienti : per 3 persone

Pasta calamarata (secca) 250 gr. circa
Ragù bianco
Besciamella
Parmigiano Reggiano grattugiato

In una pentola d’acqua bollente salata fare cuocere la pasta. Scolare al dente.
Versare la pasta in una ciotola, condire con il ragù,  e un poco di besciamella.
Versare il tutto in una pirofila imburrata e cosparsa di besciamella sul fondo.
Aggiungere la besciamella, il parmigiano reggiano grattugiato  e qualche
 fiocchetto di burro.
Mettere in forno per una ventina di minuti. Servire caldo.

Io il Ragù Bianco l’ho fatto così :

RAGU’ BIANCO

Ingredienti :
300 g. di carne tritata  di bovino adulto
Una cipolla, una carota e un gambo di sedano
Mezzo bicchiere di vino bianco
Sale e pepe, q.b.

PROCEDIMENTO
In una casseruola fate scaldare un cucchiaio d’olio con una noce di burro,
insaporitevi la carota, il sedano, e la cipolla, tutto finemente tritato.
 Aggiungete la carne macinata, mescolate e fate colorire a fiamma vivace.
 Spruzzate il vino bianco, lasciatelo evaporare. Salate e pepate quanto basta.
 Riducete la fiamma e cuocete lentamente per un’ora e mezzo aggiungendo
 ogni tanto un po’ di brodo  caldo.






LA PASTA DI GRAGNANO IGP


giovedì 14 giugno 2018

Spaghetti integrali con zucchine e sugo di pomodori



SPAGHETTI INTEGRALI CON ZUCCHINE E SUGO DI POMODORI

Ingredienti : 2 persone

160 gr. di spaghetti integrali 

due piccole zucchine
un pezzetto di cipolla  ( oppure aglio)
olio extra vergine d'oliva
qualche fogliolina di basilico
sale q.b.
due cucchiai di sugo di pomodori

Lavare, pulire bene le zucchine e tagliarle a tocchetti.
Mettere in un tegame antiaderente due cucchiai di olio extra vergine d'oliva , 
la cipolla tritata fine o lo spicchio d'aglio.
 Aggiungere le zucchine, le foglie di basilico e salare. Lasciare cuocere quindici minuti o poco più.

Lessare gli spaghetti in abbondante acqua salata, scolate al dente. Passateli nel tegame delle zucchine e fate insaporire. Servite ben caldo e aggiungete un cucchiaio di sugo di pomodori che avrete già pronto.